fbnoscript
11 de mayo de 2018

Un nuovo balzo nell'escalation della guerra

L’uscita degli Stati Uniti dall’accordo nucleare con l'Iran è un balzo in avanti nello scenario di guerra in Medio Oriente. Trump non potrebbe nemmeno appellarsi alla scusa, come ha fatto in passato di fronte ad altri conflitti, che l’accordo nucleare è stato violato. Tutti gli stati firmatari, compresi gli Stati Uniti, riconoscono che l'accordo è stato rispettato dall'Iran, così che l'abbandono dello stesso mette allo scoperto la provocazione in atto.

Versión en castellano

La Casa Bianca rimprovera che il patto non limita lo sviluppo missilistico e altre armi dell’Iran. Ma l'asse della manovra mira in un'altra direzione: forzare il ritiro dell'Iran dalla Siria e una marcia indietro nella sua interferenza nella regione. È importante notare che Hezbollah ha appena ottenuto un clamoroso trionfo elettorale in Libano e le imminenti elezioni in Iraq anticipano il consolidamento al potere dei filoiraniani.

La guerra contro l’Isis è culminata nel rafforzamento del regime di Al Assad e nel consolidamento della presenza della Russia, dell'Iran e, in misura minore, della Turchia. La mappa postbellica è disegnata oggi da Teheran, Mosca e in parte da Ankara, senza l'intervento degli Stati Uniti e dei suoi alleati. Questo scenario è destinato ad essere modificato da Trump.

Per ora, la decisione americana è il segnale che stavano aspettando Israele e Arabia Saudita - paesi sostenuti dall'Occidente che disputano con l'Iran l'egemonia nella regione - per lanciare un'escalation militare. Un anticipo di questa minaccia si è verificato alla fine di aprile, con un presunto bombardamento israeliano di due basi in quel paese. L'azione fu molto più seria del recente bombardamento che gli Stati Uniti fecero con l'Inghilterra e la Francia. L'attacco ha ucciso almeno due dozzine di ufficiali iraniani e, in questo momento, è stata segnalata un'altra operazione israeliana in territorio siriano. A ciò si aggiunge un'impennata dell'offensiva contro la popolazione palestinese, concentrata, prima di tutto, nella striscia di Gaza che è stata l'obiettivo di continue ostilità implacabili da parte delle truppe israeliane.

La rottura dell'accordo va di pari passo con l'avvio delle sanzioni economiche. Il soffocamento economico mira a provocare un duro colpo al regime iraniano, la cui economia sta già peggiorando.

L'aspettativa che l’avvicinamento all'Occidente come risultato dell’accordo avrebbe consentito un boom economico, è stato negato e il declino delle condizioni di vita ha continuato a tale punto che ha finito per provocare una rivolta popolare alla fine dello scorso anno. Una sorta di embargo sarebbe il preludio di un intervento militare. Le sanzioni annunciate contro l'Iran si completano con quelle che la Casa Bianca mette in atto contro la Russia. Le rappresaglie economiche tendono a obbligare il regime di Putin a ridisegnare le aree d’influenza in Siria e nella regione.

Europa

Ma l'annuncio delle sanzioni, allo stesso tempo, è un colpo contro l'Unione europea. Trump ha ignorato le richieste di Macron e Merkel, che si sono recati a Washington pochi giorni fa, di non ritirarsi dall’accordo. Anche il primo ministro britannico Theresa May ha aderito a questa richiesta. I tre paesi europei hanno ratificato la firma e la loro partecipazione all'accordo nucleare. Ciò produce ulteriori  tensioni internazionali nel quadro della guerra commerciale tra gli Stati Uniti  e l'Europa.

È importante notare che Washington imporrà sanzioni alle  società europee che non lasciano le loro attività in Iran. Questo fatto potrebbe far precipitare una fuga da quel paese. Ciò include non solo le compagnie petrolifere ma anche le compagnie navali, le assicurazioni e le banche. Tutto questo metterebbe seriamente a repentaglio la produzione e l'esportazione del petrolio dall’Iran, i cui  principali sono proprio i paesi europei.

L'Unione europea ha studiato per mesi su come impedire  alle sanzioni statunitensi d’influire sulle sue imprese. Ciò comporterebbe l'utilizzo di procedure legali per impedire alle società europee di subire sanzioni extraterritoriali statunitensi e di aprire linee di credito in euro dalla Banca europea per gli investimenti per sostenere le società europee con attività in Iran.

Gli analisti convergono nel ritenere che l'imposizione di sanzioni alle compagnie europee creerebbe "la più grande divisione tra Europa e Stati Uniti, da quando l'ex presidente degli Stati Uniti George W. Bush dichiarò guerra all'Iraq nel 2003" (Clarín, 3/5 ).

La decisione degli Stati Uniti sull'Iran ha messo l'Europa sulla difensiva, che è, d'altra parte, ciò che sta accadendo su altri piani, come è successo con l'aumento delle tariffe dell’acciaio e dell’alluminio, la riforma fiscale o l’abbandono degli accordi sul clima di Parigi. Gli europei avvertono che una crescente crisi in Medio Oriente non solo li espone a rappresaglie e a una guerra commerciale con conseguenze imprevedibili che, tra le altre cose, potrebbe finire per causare una nuova ondata di profughi esplosivi.

Iran

Nelle prossime settimane dovremo anche prestare attenzione all'evoluzione interna dell’Iran. Il presidente iraniano, Rohani, intende contrastare la pressione degli Stati Uniti appoggiandosi alle potenze europee. Ha indicato che l'accordo continuerà a essere rispettato. Ma questa politica può finire per essere un'arma a doppio taglio. L'Unione europea mira a un negoziato con l'Iran, il cui nucleo consisterebbe nel "ripristino delle vie di investimento in cambio di un addendum al patto originario" (idem). Sebbene Trump abbia respinto questa opzione, il nucleo di tale "aggiunta" è in sintonia con le richieste del magnate yankee e consisterebbe nel limitare il programma iraniano di missili balistici e le sue azioni nella regione, in particolare in Siria, Iraq e Yemen. Per il momento, i leader europei hanno chiesto all'Iran di mostrare "moderazione nella sua risposta alla decisione degli Stati Uniti".

Questo tentativo di salvare l’accordo può terminare in un fiasco. Se ciò accadesse, sarebbe un colpo per l'ala moderata del regime (che è quella che governa), che è stata uno degli architetti di questi accordi e, come contropartita, potrebbe sollevare il settore ultranazionalista sfrattato dal potere. Naturalmente, non si può escludere che, posto tra la l’incudine e il martello, lo stesso Rohani a sua volta colpisca. Per ora, l'offensiva di Trump potrebbe rianimare un sentimento antimperialista e / o "forse un nuovo deterioramento dell'economia, potrebbe moltiplicare le proteste mettendo il paese sull'orlo di una guerra civile" (La Nación, 9/5).

Conclusione

La decisione di Trump di gettare l’accordo con l'Iran nella pattumiera dimostra il carattere effimero di questi compromessi. C’è un equilibrio precario, che prelude a nuovi attacchi.

Siamo di fronte a uno scenario convulso dominato da grandi crisi internazionali, rivalità, guerre commerciali e tendenze alla guerra, ai colpi di stato e alle ribellioni popolari, che hanno come sfondo il fallimento capitalista che fa il suo implacabile lavoro di talpa.

Questo scenario mette nel fuoco vivo la necessità di una campagna internazionale comune della classe lavoratrice contro la guerra e per creare un’ Internazionale rivoluzionaria, la Quarta Internazionale.

Abbasso l'imperialismo e le guerre imperialiste!

Per la sovranità nazionale della Siria e di tutti gli stati del Medio Oriente. Per una federazione di repubbliche socialiste.

Abbasso lo stato sionista, per il diritto al ritorno del popolo palestinese.
 

En esta nota:

Más en Italiano:

Compartir

Comentarios