fbnoscript
30 de julio de 2018

Minacce di nuove guerre in Medio Oriente e nei Balcani

Incontro in Grecia convocato dal Centro Socialista Cristian Rakovsky e dalla Rete Euromediterranea.

Versión en castellano

In questi giorni, 24 e 26 luglio si sta tenendo ad Atene un incontro internazionale, convocato dal Centro Socialista Cristian Rakovsky, con sede in Grecia, e dalla Rete Euromediterranea, per discutere dell'aggravarsi delle tensioni internazionali e delle minacce di nuove guerre in Medio Oriente e nei Balcani. Il Centro Rakovsky è stato fondato su iniziativa del Partito Rivoluzionario [dei Lavoratori, N.d.T.] di Grecia (EEK) alla fine degli anni '90 in risposta alla guerra imperialista che distrusse la Federazione Jugoslava e con la caratterizzazione che i Balcani erano stati trasformati ancora una volta, come all'inizio del XX secolo e nelle successive guerre mondiali, in un epicentro di nuove guerre che avrebbero colpito tutta l'Europa e il Medio Oriente.

Christian Rakovsky era un bolscevico di origine bulgara che aveva combattuto per le prospettive di una Federazione socialista dei Balcani. La Rete Euromediterranea è nata dopo la crisi finanziaria mondiale del 2007/8 e le rivoluzioni arabe che, a partire dal 2011, si sono estese al Nord Africa e hanno addirittura toccato la Turchia. Dalla sua creazione, la Rete Euromediterranea ha organizzato quattro conferenze internazionali. Come iniziative analoghe in altre parti del mondo, la forza trainante di questo movimento è il Comitato di Coordinamento per la Rifondazione della Quarta Internazionale (CRFI). È quanto è accaduto lo scorso aprile a Buenos Aires. Le circostanze internazionali del momento spiegano la precipitazione della convocazione - nei giorni di vacanza dell'emisfero settentrionale. All'incontro hanno partecipato rappresentanti di gruppi o partiti dell'Europa occidentale (Francia e Spagna), dei Balcani, del Medio Oriente, della Russia (RPK e OKP) e del Caucaso, che hanno presentato proposte scritte. Naturalmente è presente il Partido Obrero. Le deliberazioni dell'Assemblea saranno note a partire da giovedì prossimo. Il nostro partito ha portato una presentazione internazionale (Panorama mondiale) e una proposta di dichiarazione sulla lotta internazionale delle donne. 


L'incontro è stato scosso dalla notizia degli enormi incendi in Grecia e la responsabilità delle autorità nella misura della perdita di vite umane, con conseguente immenso Cromañón [in riferimento all’incendio alla discoteca República Cromañón del 2004 in Argentina nel quale persero la vita 194 persone, N.d.T.]  a cielo aperto. Gli incendi non sono casuali: sono nell'interesse della speculazione immobiliare in Grecia, che è stata colpita. Un dipinto su un muro di Atene riassume il massacro: se le banche fossero state colpite, il salvataggio non sarebbe stato ritardato di un minuto". L'incontro ha votato le condoglianze alle famiglie e l’EEK e la sinistra hanno istituito brigate di sostegno per le persone colpite - per la maggior parte poveri della capitale greca.

La guerra


L'incursione di Trump negli ultimi giorni ha creato un nuovo contesto politico. Alla riunione NATO ha chiamato i suoi alleati "criminali" (soprattutto la Germania); in Gran Bretagna attaccò la "soft brexit" promossa da Theresa May, il primo ministro; poi, a Helsinki, ha incontrato da solo Putin, da dove si è difeso per le presunte interferenze russe nelle passate elezioni americane, contro i servizi di spionaggio del suo paese. La guerra commerciale iniziata, in pratica, settimane prima, si era trasformata in una guerra politica sia a livello internazionale che all'interno degli Stati Uniti.
L'epicentro di questa spettacolare crisi è la decisione di Trump di intraprendere l'assedio dell'Iran, comprese le sanzioni contro i paesi che violano questa quarantena. Trump ha guidato un blocco guerrafondaio di Israele, Arabia Saudita, Emirati Arabi ed Egitto. Trump ha portato la questione davanti a Putin, al quale ha offerto una soluzione in Siria in cambio del ritiro dell'Iran e degli Hezbollah da quel paese e dell'isolamento di Teheran. Il disegno di questo scenario di guerra gigantesca è stato ora completato da altri sviluppi internazionali che coinvolgono la Grecia, la Turchia e i Balcani. 


A seguito della scoperta di nuovi giacimenti di gas nel Mediterraneo orientale, si sta formando un blocco politico-militare che comprende Grecia, Israele ed Egitto - esclusa la Turchia. Ciò ha riaperto la possibilità di uno scontro militare sulla questione cipriota, che è divisa tra Turchia e Grecia. Allo stesso tempo, quando la controversia tra Grecia e Macedonia è stata risolta per il nome di quest'ultima, analogamente al territorio settentrionale della Grecia, la Macedonia è diventata abilitata ad aderire all'Unione europea e alla NATO e ad ospitare le basi militari già previste nel suo territorio. Questa è considerata un'azione aggressiva da parte, ancora una volta, della Turchia e, naturalmente, anche della Russia. In breve, la questione del gas, isolando la Turchia, e quella della Macedonia, con basi militari nelle vicinanze della Russia, si aggiunge ai piani contro l'Iran per costituire un cocktail esplosivo che estende la guerra in Siria a nuovi confini. Trump si trova ad affrontare un negoziato ad alta tensione per riscattare i conflitti con l'assistenza di Putin, con l'approvazione del regime di Netanyahu! La decisione del governo sionista di stabilire un regime di apartheid in Israele, privando gli arabi che vivono nel suo territorio del loro voto e dei loro diritti politici (la cittadinanza è riservata agli ebrei), non è altro che l'estensione al fronte interno di un sistema politico adattato alle nuove guerre internazionali.

Guerra e rivoluzione


L'incontro si trova nella fase di discussione di questo processo bellico e di un programma d'azione. Le conclusioni che si stanno traendo sono istruttive, in primo luogo perché, come la relazione introduttiva, mettono in guardia contro una tendenza che non si è ancora estinta, contro nuove rivolte popolari - come è appena avvenuto in Giordania, dove hanno portato alla caduta del governo. Lo stesso accade, già sistematicamente, in Iran, di nuovo in Tunisia e ora nell'Iraq meridionale. Le guerre imperialiste in Medio Oriente, invece, sono state un fallimento fenomenale (e un massacro molto più fenomenale); l'intero esercito saudita ed emiratino, con l'assistenza degli Stati Uniti, non è riuscito a sconfiggere i guerriglieri Houti, i poveri dello Yemen. In Afghanistan, i talebani controllano tra il 50 e il 70 per cento del paese. Una guerra contro l'Iran farebbe sprofondare l'imperialismo americano e il sionismo nell'inferno, e scatenerebbe una rivolta come mai prima d'ora, in una regione che ha visto tante ribellioni. 
La questione strategica che si pone al movimento popolare, e soprattutto a quello operaio, è la necessità di diventare la leadership politica di questa lotta, che solleva, in primo luogo, la delimitazione dei movimenti nazionalisti e lo smascheramento dei loro governi. Nel dibattito dell’incontro, ci si sta confrontando con coloro che caratterizzano le politiche di Putin come progressiste, Bashar al-Assad e gli ayatollah iraniani - che vengono presentati come fattori di contenimento della guerra imperialista. Si tratta di un "replay", in condizioni molto più acute, dell'opposizione tra il caos latinoamericano da un lato e la sinistra rivoluzionaria dall'altro. Erdogan, che ha imposto una presidenza "forte" alla Turchia, sta cercando di posizionarsi nell'arena "nazionale e popolare".

Tutto questo dibattito deve concludersi domani, giovedì 26, con la votazione su una caratterizzazione generale e un piano d'azione, basati su slogan e richieste politiche precisi. Solo la rivoluzione socialista può impedire il protrarsi della guerra attuale; questa guerra lascia la rivoluzione socialista, cioè la realizzazione dei compiti di indipendenza nazionale e di unione dei popoli sotto la guida del proletariato, come mai prima d'ora posto.

Domani, le conclusioni.
 

 

En esta nota:

Más en Italiano:

Compartir

Comentarios