fbnoscript
4 de octubre de 2018

Brexit: una grande crisi politica in evoluzione

Versión en castellano

I negoziati sull'uscita del Regno Unito dall'UE sono in un pantano. L'UE ha appena ritenuto inaccettabile la proposta del governo britannico.

Un Brexit senza accordo è lo scenario peggiore: se le condizioni di uscita non vengono concordate, il 30 marzo il Regno Unito diventerà un paese come qualsiasi altro al di fuori dell'UE. Uno scenario descritto come "limite" dai negoziatori europei, le cui conseguenze catastrofiche nessuno osa prevedere.

Le fonti comunitarie temono che "si scatenerà una spirale di panico tra le imprese dei settori più colpiti da Brexit" (La Nación, 24/9). Tra le industrie suscettibili di fuga figurano nientemeno che il settore bancario, assicurativo, aeronautico, farmaceutico o della distribuzione.

La Commissione europea ha già dato istruzioni alle autorità, alle imprese e ai cittadini per prepararsi all'emergenza. Dalle code di veicoli ai posti di frontiera e ai porti europei per controllare l'ingresso delle merci dal Regno Unito alla creazione delle strutture necessarie per la movimentazione di animali vivi e alimenti di origine animale. La Commissione europea, con sede a Bruxelles, raccomanda che i cittadini europei in possesso di titoli di studio delle scuole britanniche verifichino entro il 30 marzo se devono farli convalidare nel paese di residenza.

May cerca il sostegno delle imprese in difesa del suo piano per Brexit. Il primo ministro si basa sul fatto che l'Europa rimane il più grande mercato britannico: 11.000 camion attraversano ogni giorno il confine di Dover e molte aziende e lavoratori dipendono da questo scambio. Il sostegno delle imprese è la carta principale con la quale il governo conta sopravvivere e imporsi all'interno del proprio partito conservatore, solcato da scontri interni e divisioni che ne mettono in gioco l'integrità. Il primo ministro è tormentata dai sostenitori di un "Hard Brexit" e anche da coloro che vogliono un compromesso con l'Europa, riavvolgendo il nastro all'indietro e convocando, se necessario, un secondo referendum.

 

Tra l'incudine e il martello

La proposta respinta dall'UE chiedeva un patto doganale sulla libera circolazione delle merci e dei prodotti agricoli, non dei servizi e delle persone, facendo eco alle rivendicazioni dell'ala dura (uno degli assi della campagna a favore dell'uscita del Regno Unito dalla zona euro è stato quello di mettere un freno all'ondata di immigrati). La proposta stabilisce inoltre che non deve essere versato alcun contributo monetario all'Unione europea, né che la Corte di giustizia dell'UE abbia giurisdizione nel Regno Unito.

In ogni caso, una "zona di libero scambio per le merci" implicava una "armonizzazione permanente con le norme dell'Unione Europea su questo punto". Ciò significa che l'industria manifatturiera e l'agricoltura del Regno Unito continuerebbero ad essere vincolati, dopo il Brexit, ai regolamenti dell'Unione Europea, alle sue norme doganali e persino alle sentenze della Corte di Giustizia Europea. D'altra parte, questa proposta, se accettata dall'Unione europea, ridurrebbe la capacità del Regno Unito di concludere accordi di libero scambio con paesi al di fuori dell'UE, come gli Stati Uniti.

Il punto più controverso è il confine relativo tra le due parti dell'Irlanda. Il Brexit presuppone che l'Irlanda del Nord, come il resto del Regno Unito, sia al di fuori dell'Unione Europea, mentre la Repubblica d'Irlanda rimanga nel mercato comune. Il governo londinese propone che non vi siano frontiere tra le due aree, come avviene attualmente. D'altro canto, l'Unione europea vuole una frontiera rigorosa perché, se non ci sono controlli, il Regno Unito potrebbe beneficiare delle istituzioni comunitarie attraverso il suo vicino.

La proposta britannica, ibrida e piena di contraddizioni, ha cercato di adattarsi alle pressioni della classe capitalista ma evitando di rompere con l'ala dura dei conservatori. Tuttavia, ha finito per fare un buco nell'acqua. L'Unione europea accusa May di aver scelto ciò che le conviene, come la libera circolazione delle merci, rifiutando al contempo le responsabilità, come i contributi all'UE e il monitoraggio delle sue politiche agricole e ambientali, e proponendo di limitare la circolazione della manodopera. Inutile dire che una frontiera aperta in Irlanda è inaccettabile per l'Unione europea.

 

Svolta politica

Questo scenario sta scatenando una grande tempesta politica nel Regno Unito, che potrebbe portare a elezioni anticipate (già menzionate da alcuni membri del partito di May) e allo svolgimento di un secondo referendum per pronunciarsi sull'eventuale accordo di uscita.

Il Brexit e la sua onda d'urto sono inseparabili dalla bancarotta capitalista, che sta svolgendo il suo incessante lavoro di talpa e alimentando le tendenze alla disintegrazione dell'Unione europea.

La popolazione britannica è colpita da un'ondata di posti di lavoro instabili, prezzi esorbitanti delle case, servizi pubblici rovinati e, soprattutto, costosi. Alla luce di tutto questo, stanno conquistando un pubblico più ampio risuonando più forte nelle orecchie dei lavoratori e dei giovani, le rivendicazioni e le proposte del leader laburista Jeremy Corbyn.

"Tra le fila conservatrici comincia ad emergere la fondata paura che il laburismo ne tragga vantaggio" (El País 2-10). Corbyn chiede elezioni anticipate se il piano di May per il Brexit fallisce. L'approccio originale del partito laburista a favore di un nuovo referendum è stato lasciato in secondo piano.

Il leader laburista ha annunciato un "piano radicale" per ricostruire il Regno Unito. Stabilirà, se raggiunge il governo, l'obbligo per le grandi aziende di creare un fondo per consegnare parte delle loro azioni e dividendi ai dipendenti. Propone anche una maggiore assistenza ai lavoratori per l'assistenza dei bambini fino a quattro anni, la costruzione di alloggi pubblici, la rinazionalizzazione dei servizi essenziali e maggiori oneri fiscali per chi possiede una seconda casa.

Ci troviamo di fronte a una crisi politica di proporzioni esplosive prima di tutto per il Regno Unito, ma anche per il continente europeo. Lo Stato britannico ha pubblicato più di 80 misure di emergenza in caso di uscita dall'UE senza un accordo, compresa la conservazione di medicinali e alimenti. Come ha appena dipinto un quotidiano, "l'umorismo a Downing St. (la sede del governo del Regno Unito) è orrendo a quest'ora" (El País, idem). L'impasse politica sta dando luogo a una svolta politica delle masse.

En esta nota:

Más en Italiano:

Compartir

Comentarios