fbnoscript
19 de febrero de 2019

Abbasso il colpo di stato imperialista in Venezuela!

Versión en español

English version
 

Dichiarazione del PO (Argentina), EEK (Grecia), DIP (Turchia), MTL (Finlandia), ROR (Francia), OKP (Russia), Levica (Macedonia) e Heqiqat (Azerbaigian).

Abbasso il colpo di stato imperialista!
Difendiamo il Venezuela dall'imperialismo e dai suoi lacchè!
Verso una soluzione della classe operaia alla situazione venezuelana!

Il Venezuela deve affrontare un tentativo di colpo di stato manipolato dall'imperialismo. I cospiratori di questo colpo di stato si preoccupano poco di nasconderlo sotto una maschera democratica, quella della rivendicazione costituzionale del loro burattino Guaidó e del "suffragio universale". Questo colpo di stato è sostenuto da governi reazionari, compresi quelli dell'America Latina, in particolare dal portabandiera fascista di Trump nel sud: Bolsonaro. Noi, partiti e organizzazioni firmatarie di questa dichiarazione, dichiariamo di essere chiaramente contrari a questo tentativo di colpo di stato che cerca di rovesciare Maduro e il governo venezuelano!

Attualmente, il popolo venezuelano è sotto la pressione di un blocco economico e politico. Questo blocco ha l'obiettivo di costringere il popolo venezuelano a capitolare all'imperialismo e ai suoi seguaci all'interno e all'esterno del paese. Non si può parlare di esercizio della libera scelta se il blocco continua. La verità è che lo si mette in pratica per usurpare la volontà popolare. Noi proclamiamo la lotta contro il blocco economico e politico dell'imperialismo contro il Venezuela!

Respingiamo il tentativo di escalation nientemeno che in nome della "democrazia", mentre è guidata dal magnate yankee che sta portando avanti una persecuzione implacabile contro gli immigrati, le minoranze, le donne e i loro diritti e che sta cercando di rafforzare il ruolo degli Stati Uniti come gendarme, distruggendo i popoli di tutte le nazioni del Medio Oriente e del Nord Africa. Un'offensiva guidata anche dal famigerato fascista brasiliano, circondato da militari, salito al potere dopo la proscrizione di Lula e un colpo di stato che ha deposto il governo di Dilma Rousseff.

Denunciamo l'ipocrisia e la doppiezza dei promotori di questa escalation, che non hanno scrupoli a sostenere dittature sanguinose e aberranti come quella del principe saudita Mohammed bin Salman, responsabile dell'assassinio e dello smembramento di un giornalista contrario al regime saudita nell'ambasciata di quel paese in Turchia.

Il conflitto non è solo di natura politica ed economica. L'imperialismo minaccia il Venezuela anche sotto il profilo militare. La possibile aggressione militare potrebbe coinvolgere anche Cuba. Se avvenisse sotto forma di colpo di stato militare, di inizio di una sanguinosa guerra civile o di un attacco militare diretto da parte degli Stati Uniti e dei suoi agenti locali, ci impegniamo a combattere contro qualsiasi tipo di intervento! Difendiamo il Venezuela -e Cuba- contro l'offensiva militare imperialista!

La situazione in Venezuela è fortemente legata alla situazione internazionale. Con gli Stati Uniti governati da Trump, le guerre commerciali, soprattutto contro la Cina, le sanzioni contro la Russia e il ritiro degli Stati Uniti dagli accordi per i missili nucleari a medio raggio, le minacce alla Corea del Nord, il ritiro degli Stati Uniti dall'accordo nucleare con l'Iran e le ondate di sanzioni successive avviate da quel momento in poi. Ora, l'imperialismo è di nuovo in attacco, questa volta in Venezuela.

Questo e altri sviluppi reazionari sono contrastati dall'agitazione della lotta di classe, come si può vedere nel movimento dei "gilet gialli" e nelle ribellioni popolari in un gran numero di altri paesi, acquisendo un'importanza decisiva. Il proletariato e le masse lavoratrici del mondo sono di nuovo pronti a intraprendere grandi lotte al polo opposto di tutte le tendenze alla barbarie che la crisi mondiale produce continuamente.

A livello internazionale, siamo ad un punto in cui non c'è una via di mezzo su questo pianeta diviso da antagonismi di classi inconciliabili, dove la maggioranza che lavora è governata da una manciata di sanguisughe sfruttatrici! Attualmente, la situazione economica in Venezuela è estremamente grave. La sua gente affronta una terribile miseria.

Il Venezuela ha riconquistato la gestione sovrana delle sue risorse petrolifere, ma i monopoli imperialisti come la statunitense Chevron, le europee Total e Statoil continuano le loro attività in accordo con il governo. Due terzi dell'economia del paese è nelle mani del settore privato. L'economia di mercato non ha perso la sua posizione dominante. Alla classe operaia è stato impedito di organizzarsi autonomamente e di formare organi di potere politico, il paese continua ad essere governato da una struttura politica di borghesia parlamentare. L'economia, ora bombardata dalle sanzioni imperialiste, viene portata al collasso dal sabotaggio del settore privato dall'interno. Il parlamento borghese è diventato il quartier generale dei golpisti.

Non ci sono vie di mezzo in Venezuela! Si tratta di affondare nelle mani dell'imperialismo o salvarsi tramite un governo dei lavoratori!

Avvertiamo che, se il tentativo di colpo di Stato fosse vittorioso, il Venezuela sarebbe testimone di un'enorme svendita delle sue ricchezze minerarie, della perdita di importanti conquiste e dell'applicazione di piani di austerità e del FMI, come sta accadendo in Grecia, Argentina e in altri paesi sudamericani, cioè nuove privazioni e privazioni.

Qualsiasi tentativo di raggiungere un accordo con l'imperialismo e il rifiuto di rompere con le basi capitalistiche è destinato a un vicolo cieco. L'unica via d'uscita è ripudiare il debito estero, espropriare le aziende petrolifere e mettere l'industria petrolifera sotto il controllo dei lavoratori, espropriare la ricchezza ottenuta dalla borghesia saccheggiando il paese, un vasto programma di nazionalizzazioni senza alcun indennizzo per sradicare il potere economico esercitato dai cospiratori e porre fine alla crisi che si manifesta in iperinflazione, bassi salari, disoccupazione e vera anarchia del mercato. Si deve sostenere ogni tipo di auto-organizzazione della classe operaia per garantirne l'indipendenza politica e organizzativa sia nelle fabbriche e nei luoghi di lavoro che nei quartieri urbani e rurali. La classe operaia venezuelana deve armarsi contro il tentativo di colpo di stato. I comitati dei soldati devono essere formati all'interno della truppa per impedire qualsiasi tentativo degli ufficiali di allinearsi al colpo di stato imperialista. Ora, certamente queste misure in Venezuela possono essere attuate pienamente e coerentemente solo da un governo dei lavoratori.

Chiediamo a tutti i partiti e movimenti dei lavoratori, socialisti e anti-imperialisti del mondo di unirsi contro il tentato colpo di stato imperialista in Venezuela, di organizzare la solidarietà con il popolo venezuelano e di condurre una lotta internazionale per aiutare i lavoratori venezuelani a raggiungere una soluzione di classe alla crisi. Superare l'imperialismo significa mobilitare le masse contro la trama imperialista, infliggendo quanti più colpi possibili agli imperialisti e ai loro scagnozzi nei nostri paesi e per l'unità socialista dell'America Latina.

Mettiamo in guardia dalla gravità della crisi umanitaria, ma ci opponiamo alla proposta imperialista di attuare aiuti di emergenza per infiltrarsi politicamente nel paese e trasformare il Venezuela in una colonia. Invitiamo i lavoratori, specialmente in America Latina, ad organizzare gli aiuti umanitari sotto il controllo delle organizzazioni dei lavoratori e dei rappresentanti dei lavoratori eletti nei loro luoghi di lavoro.

Viva l'internazionalismo proletario!

PO (Argentina)
EEK (Grecia)
DIP (Turchia)
MTL (Finlandia)
ROR (Francia)
OKP (Russia)
Levica (Macedonia)
Heqiqat (Azerbaigian)
 

En esta nota:

Más en Italiano:

Compartir

Comentarios